Titolo visibile
 
 
 LOCALI
Indice
Ristoranti Italia
Ristoranti Lazio
Pizzerie Napoletane
Ricerca per Regione
Ricerca Avanzata
Cucina Estera
Cucina Regionale
 
 PROGRAMMAZIONE
Indice
Html
Flash
JavaScript
VBScript
Java
 
 CULTURA
Scuole Private
Aforismi
Giornali Online
Dizionari
Matematica
 
 

Nashi
Il nashi, conosciuto anche come pera-mela, è il nome comunemente attribuito al frutto del Pyrus pyrifolia, pianta di origine orientale appartenente alla famiglia delle Rosacee.

Le Origini
Originario della Cina (dove è chiamato li, mentre il termine nashi è invece di origine giapponese e significa "pera"), il Nashi (Pyrus pyrifolia) era coltivato e consumato in questo paese asiatico già 3.000 annni fa. Nel I secolo avanti Cristo, ai tempi della dinastia Han, esistevano infatti ampie superfici coltivate a nashi lungo le rive del Fiume Giallo e del fiume Huai.
Nel 1800, durante il periodo della corsa all'oro, le cosiddette "pere asiatiche" furono introdotte in America dai minatori cinesi, che coltivavano questa specie lungo i ruscelli della Sierra Nevada.
Il nashi ha un contenuto particolarmente abbondante di acqua e zucchero.
Ad una temperatura di 0-1 °C ed un'umidità relativa del 90%, i nashi si possono conservare per 5-6 mesi.
La colorazione della buccia è bronzeo-dorata o ambrata rugginosa (var. Hosui e Kosui) oppure giallo-verde (var. Shinseiki e Nijisseiki).
La polpa è croccante, succosa e dolce, con un'acidità bassa o inesistente.
E' un frutto tipico dell'Oriente; la sua caratteristica saliente è il sapore dolce e fresco con acidità inesistente, che si differenzia in modo netto dal gusto dolce acido della mela o della pera, al quale è solitamente abituato il consumatore occidentale.

La Coltivazione Del Nashi
Il principale produttore mondiale di nashi è la Cina, dove ogni anno si ottiene mediamente 1 milione di tonnellate di questo frutto; seguono Giappone (500.000 tonnellate), Corea del Sud (50.000), Nuova Zelanda (10.000) Stati Uniti (5.000).
Le varietà più diffuse sono Hosui, Kosui, Nijisseiki, Chojuro, Shinseiki, Nikusui e Shinsui.

  • Kosui (Giappone, 1959)
  • Hosui (Giappone, 1972)
  • Nijisseiki (Giappone, 1898)
  • Niitaka (Giappone, 1927)
  • Shinko (Giappone, 1941)
  • Chojuro (Giappone, 1893)

Il Calendario Del Nashi

  GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC
Raccolta                    
Presenza sul mercato                  

Il periodo di commercializzazione (prodotto italiano) è dal 1 settembre al 31 dicembre

Varietà e portinnesti
Totalmente incompatibile con il cotogno, i portinnesti utilizzabili per il nashi sono:
- "Pyrus betulaefolia", molto vigoroso, adatto a suoli pesanti, umidi ed alcalini, poco sensibile alla siccità;
- "Pyrus calleriana", meno vigoroso, meno resistente al freddo e ai suoli umidi e calcarei;
- "Pyrus serotina" o "pyrifolia", resistente al gelo ma teme i suoli pesanti ed umidi;
- "Pyrus communis", il meno vigoroso, si adatta un po' a tutti i terreni sia sabbiosi che argillosi.
 


Scritto il 20/12/2009 alle ore 06:00:00

Condividi su Facebook

 
 LOCALI - RICERCHE
Avanzata
Per Regione
Solo Pizzerie
Solo Internazionale
Solo Italiana
Per Tipo Cucina
Per Città nel Lazio
 
 SITO
Contattaci
Segnala locale
Feed Rss
Segnala un errore
Guestbook
News
Aggiungi a preferiti
Imposta Homepage
Segnala un Sito
Iscriviti
Login
 
 RICETTE CUCINA
Indice Ricette
Primi
Carne
Pollame
Pesce
Dolci
Cocktail
   
 
Questo sito e' un sito non commerciale e potrebbe riportare informazioni non aggiornate e/o non corrette. Leggi il disclaimer sottostante.

Lavoro |  Home |  Locali |  Info                   574181                 Disclaimer |  Portale |  Blog |  Ricette