Titolo visibile
 
 
 LOCALI
Indice
Ristoranti Italia
Ristoranti Lazio
Pizzerie Napoletane
Ricerca per Regione
Ricerca Avanzata
Cucina Estera
Cucina Regionale
 
 PROGRAMMAZIONE
Indice
Html
Flash
JavaScript
VBScript
Java
 
 CULTURA
Scuole Private
Aforismi
Giornali Online
Dizionari
Matematica
 
 

Lo scat è una forma di canto, quasi sempre improvvisato, appartenente alla cultura musicale del jazz. Utilizza una quantità indeterminata di fonemi a scelta dell'interprete. Nello scat il cantante fa a meno del testo e inventa un suo particolare proto-linguaggio funzionale alle proprie invenzioni ritmico/melodiche. Il canto scat è l'imitazione di strumenti musicali con la voce e quest'ultima acquista la stessa assoluta libertà articolatoria del fraseggio jazzistico degli altri strumenti dell'orchestra.
Per questo motivo lo scat non prevede l'uso di parole compiute, bensì di fonemi privi di senso dal suono accattivante che il cantante utilizza in chiave ritmica oltre che melodica. I brani in cui si può ascoltare lo scat sono di solito veloci e allegri e non di rado esso viene utilizzato in chiave grottesca e caricaturale.

Se ne attribuisce la paternità, o quanto meno la diffusione, a Louis Armstrong, verso la metà degli anni Venti e precisamente nel 1926, durante la registrazione di Heebie Jeebies con il suo gruppo "The Hot Five"; la leggenda dice che Luois Armstrong si trovò a dover improvvisare una parte della canzone con sillabe inventate perchè gli era caduto il foglio con le parole dal leggio. Leggenda, perchè sia lo stesso Armstrong che già altri da qualche tempo vocalizzavano le canzoni, ricercando con la propria voce quella qualità di improvvisazione che la potesse elevare a un livello strumentale.
Fra coloro che ne hanno sviluppato maggiormente le potenzialità vi sono Michele Hendricks, Cab Calloway, Ella Fitzgerald e Dizzy Gillespie.

Nei primi anni ottanta lo scat ha fatto il suo ingresso anche nel reggae grazie all'eccentrico cantante giamaicano Eek-a-Mouse. Negli anni novanta è stato usato nella musica dance da Scatman John (John Paul Larkin).

Ogni cantante di scat usa una propria sillabazione caratteristica (scat words) che, insieme con il timbro della voce, lo identifica immediatamente.

I'm a scatman... I'm a scatman... bi babba barabboo... scatman world !

Scritto il 08/12/2009 alle ore 06:00:00


Condividi su Facebook

 
 LOCALI - RICERCHE
Avanzata
Per Regione
Solo Pizzerie
Solo Internazionale
Solo Italiana
Per Tipo Cucina
Per Città nel Lazio
 
 SITO
Contattaci
Segnala locale
Feed Rss
Segnala un errore
Guestbook
News
Aggiungi a preferiti
Imposta Homepage
Segnala un Sito
Iscriviti
Login
 
 RICETTE CUCINA
Indice Ricette
Primi
Carne
Pollame
Pesce
Dolci
Cocktail
   
 
Questo sito e' un sito non commerciale e potrebbe riportare informazioni non aggiornate e/o non corrette. Leggi il disclaimer sottostante.

Lavoro |  Home |  Locali |  Info                   567522                 Disclaimer |  Portale |  Blog |  Ricette