Titolo visibile
 
 
 LOCALI
Indice
Ristoranti Italia
Ristoranti Lazio
Pizzerie Napoletane
Ricerca per Regione
Ricerca Avanzata
Cucina Estera
Cucina Regionale
 
 PROGRAMMAZIONE
Indice
Html
Flash
JavaScript
VBScript
Java
 
 CULTURA
Scuole Private
Aforismi
Giornali Online
Dizionari
Matematica
 
 

Euro 1, 2, 3 e 4 - Normative comunitarie sulle emissioni inquinanti

La comunità europea ha emanato dal 1991 una serie di direttive sull'emissioni di inquinanti da parte dei veicoli. In base a queste direttive sono state individuate quattro categorie di appartenenza per gli autoveicoli (Euro 1, 2, 3, 4) e tre categorieper i motoveicoli e ciclomotori (Euro 1, 2, 3).
In altre parole, i veicoli rientrano in una di queste categorie a seconda della direttiva europea che rispettano.
Per sapere a quale categoria appartiene il nostro mezzo, dobbiamo controllare quale direttiva viene indicata sulla carta di circolazione (libretto).

Due parole su pre-Euro 1 (Euro 0), Euro 1, 2, 3 e 4

pre-Euro 1 (Euro 0) indica i veicoli "non catalizzati" a benzina e i veicoli "non ecodiesel": questi veicoli sono stati i primi ad essere colpiti da eventuali provvedimenti di limitazione;

Euro 1: indica le autovetture conformi alla direttiva 91/441 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 93/59. Ha introdotto l’obbligo per la casa costruttrice di montare la marmitta catalitica e di usare l’alimentazione a iniezione. E' entrata in vigore nel 1993.

Euro 2: indica le autovetture conformi alla direttiva 94/12 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 96/69. Normativa che ha richiesto modifiche anche sui diesel, è in vigore dal 1996.

Euro 3: indica i veicoli conformi alla direttiva 98/69. In vigore dal 2000, relativa all'ulteriore diminuzione delle emissioni, è obbligatoria per gli autoveicoli fabbricati dopo il 1 gennaio 2001. Alcune auto potrebbero essere state immatricolate nel 2001 ma fabbricate nel 2000 e quindi prive di EURO 3; alcune case costruttrici hanno anticipato l'obbligo per cui ci sono dei veicoli immatricolati prima del 2001 che rispettano l'EURO 3.

Euro 4: indica i veicoli conformi con la direttiva 98/69B.Obbligatoria dal 1 gennaio 2006. Alcune case costruttrici hanno anticipato l'obbligo per cui ci sono molti veicoli immatricolati prima del 2006 che rispettano l'EURO 4.

Autoveicoli

Le norme

  • Direttive comunitarie norma EURO 1
    • 91/441 CEE
    • 91/542 CEE punto 6.2.1.A
    • 93/59 CEE

  • Direttive comunitarie norma EURO 2
    • 91/542 CEE punto 6.2.1.B
    • 94/12 CEE
    • 96/1 CEE
    • 96/44 CEE
    • 96/69 CE
    • 98/77 CE

  • Direttive comunitarie norma EURO 3
    • 98/69 CE
    • 98/77 CE rif. 98/69 CE
    • 1999/96 CE
    • 1999/102 CE rif. 98/69 CE
    • 2001/1 CE rif. 98/69 CE
    • 2001/27 CE
    • 2001/100 CE A
    • 2002/80 CE A
    • 2003/76 CE A

  • Direttive comunitarie norma EURO 4
    • 98/69 CE B
    • 98/77 CE rif. 98/69 CE B
    • 1999/96 CE B
    • 1999/102 CE rif. 98/69 CE B
    • 2001/1 CE rif. 98/69 CE B
    • 2001/27 CE B
    • 2001/100 CE B
    • 2002/80 CE B
    • 2003/76 CE B
    Nota: il veicolo rientra nella classe di omologazione EURO 4 solo se la Direttiva di riferimento è accompagnata dalla lettera B

Dove guardare sul libretto

Sulla carta di circolazione di nuovo tipo l'indicazione delle direttive riguardanti le emissioni, è riportata alla lettera V.9 (riquadro 2) ed è spesso integrata con ulteriore specifica nel riquadro 3.

Immagine di una carta di circolazione tipo nuovo di un autoveicolo euro 4 (74 kb)

Sulla carta di circolazione di vecchio tipo l'indicazione della normativa comunitaria di riferimento, si trova nel riquadro 2.

Immagine di una carta di circolazione tipo vecchio di un autoveicolo euro 2 (78 kb)

Per le vetture nuove di fabbrica immatricolate tra il 1993 e il 1996, seppure in casi rari, può accadere che sulla carta di circolazione non sia riportata l'annotazione relativa alla direttiva europea di riferimento: in questo caso il veicolo è sicuramente EURO 1, cioè conforme alla direttiva 91/441, perché dal 1° gennaio 1993 potevano essere immatricolati come nuove solo vetture omologate secondo questa direttiva.
Rimane però da verificare l'eventuale conformità ad una direttiva successiva che fa rientrare il veicolo nella categoria EURO 2 o EURO 3: si consiglia a tale riguardo di contattare il locale Ufficio della Motorizzazione Civile (ora denominata Dipartimento dei Trasporti Terrestri) per ottenere i relativi chiarimenti.

Per i veicoli nuovi immatricolati prima del 1992, quando non è annotata sulla carta la dicitura "rispetta la direttiva CEE n.91/441", che comporta l'appartenenza del veicolo alla fascia EURO 1, occorre ugualmente prendere contatto con la Motorizzazione Civile.

Comunque, se la carta di circolazione è interamente compilata a mano, secondo procedure in vigore fino al 1978, si tratta sicuramente di un veicolo "Euro 0".

Motoveicoli e ciclomotori

Le norme

  • Categoria Euro 1
    • Ciclomotori e motocicli: conforme alla direttiva 97/24 CE cap. 5

  • Categoria Euro 2
    • Ciclomotori: conforme alla direttiva 97/24 CE cap. 5 fase II
    • Motocicli: direttiva 2002/51/CE fase A

  • Categoria Euro 3
    • direttiva 2002/51/CE fase B

Dove guardare sul libretto

Sulla carta di circolazione di nuovo tipo l'indicazione è riportata alla lettera V.9, con specificata la direttiva di riferimento nelle righe descrittive.

Su quella di vecchio tipo l'indicazione si trova nel riquadro 2.

Scarica il documento in formato PDF

Scritto il 07/02/2010 alle ore 06:30:00

Condividi su Facebook

 
 LOCALI - RICERCHE
Avanzata
Per Regione
Solo Pizzerie
Solo Internazionale
Solo Italiana
Per Tipo Cucina
Per Città nel Lazio
 
 SITO
Contattaci
Segnala locale
Feed Rss
Segnala un errore
Guestbook
News
Aggiungi a preferiti
Imposta Homepage
Segnala un Sito
Iscriviti
Login
 
 RICETTE CUCINA
Indice Ricette
Primi
Carne
Pollame
Pesce
Dolci
Cocktail
   
 
Questo sito e' un sito non commerciale e potrebbe riportare informazioni non aggiornate e/o non corrette. Leggi il disclaimer sottostante.

Lavoro |  Home |  Locali |  Info                   584619                 Disclaimer |  Portale |  Blog |  Ricette